Abolita ufficialmente l’ora legale, c’è l’ok del Parlamento Europeo

0

Conto alla rovescia per l’IMMINENTE CAMBIO dell’ora. Tra pochissimi giorni infatti, Domenica 31 Marzo 2019 alle ore 2:00, scatterà il momento dell’ORALE LEGALE quando cioè dovremo spostare in avanti le lancette di un’ora, passando direttamente alle ore 3:00 Quest’anno però potrebbe essere l’ultima volta, si parla sempre più insistentemente di ABOLIZIONE DEFINITIVA per sempre anche in Italia. Vediamo di che si tratta e le ultime novità al riguardo. NOTA BENE: la Francia ha già votato per l’abolizione!

L’ora legale è stata adottata per sfruttare al meglio la radiazione del sole durante il periodo primaverile/estivo permettendo così di risparmiare ogni anno un centinaio di milioni di euro sulla bolletta energetica. Non tutti però sono d’accordo nel mantenere questa convenzione anche a causa dei disagi che ne deriverebbero: insonnia, stress, disturbi della concentrazione etc. Negli ultimi tempi si sta discutendo molto a livello europeo con consultazioni popolari (Francia e Germania in primis) e proposte di legge in Commissione Europea sulla possibilità di eliminare il cambio dell’ora. La proposta è quella di lasciare la possibilità ad ogni Stato facente parte dell’Unione Europea di scegliere se continuare ad usufruire dell’ora solare o di quella legale. La disputa è molto accesa specie tra i Paesi del Nord e del Sud Europa in quanto a seconda della latitudine le ore di luce giornaliere cambiano sensibilmente. Per fare un esempio a Helsinki (Finlandia) il sole a Giugno tramonta alle 22:48, a Milano invece alle 20:48. Questo si traduce in differenti costi per quanto riguarda l’illuminazione degli edifici ed altri servizi.

In Italia, data la posizione del nostro Paese, il vantaggio derivante dal cambio dell’ora è rilevante sia dal punto di vista economico (più luce solare = meno consumi elettrici per l’illuminazione) che ambientale. Il tutto infatti si traduce poi in minor emissioni di CO2 in atmosfera derivanti dalla produzione di energia e quindi un abbattimento, parziale, dei gas ad effetto serra responsabili del cambiamento climatico.

Per il momento non si è ancora trovata una linea comune e l‘idea di porre fine al doppio regime orario è rimandata al 2021 senza più alcuna proroga. La situazione per il momento rimane ancora dibattuta e materia di scontro. Per quest’anno tutti pronti con l’orologio alla mano, l’ora legale entrerà in vigore domenica 31 marzo e terminerà domenica 27 ottobre 2019. Salvo sorprese, chissà…. in questa Europa così strana…

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here