Carapelle sotto shock per l’asilo dell’orrore, quattro le maestre indagate

0

Gli accertamenti sono stati svolti dai carabinieri, che avevano anche piazzato delle telecamere nascoste all’interno delle classi dell’asilo. Come anticipato in esclusiva da StatoQuotidiano.it4 maestre sono indagate per “maltrattamenti” ad alcuni bambini in un asilo di Carapelle.

fatti sarebbero avvenuti in un periodo piuttosto lungo dall’ottobre 2018 e fino al 5-4-2019, in danno di molti bimbi, sia italiani che stranieri (in tutto addirittura dodici bambini tra i 3 ed i 4 anni). L’elenco degli episodi di maltrattamenti appare “lungo e impressionante”, fatto di violenze sia fisiche che psicologiche, come elencati nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari (PM Bray). Gli accertamenti sono stati svolti dai carabinieri, che avevano anche piazzato delle telecamere nascoste all’interno delle classi dell’asilo, che dimostrano in maniera inconfutabile i maltrattamenti.

L’Avvocato Michele Sodrio a StatoQuotidiano.it, quale difensore dei genitori di uno dei bimbi più maltrattati “I fatti sono di gravità inaudita, anche perchè dimostrano l’esistenza di un vero e proprio abuso sistematico in danno dei bambini, da parte di ben quattro cosiddette “maestre”. Quello si può ben definire l’asilo degli orrori e mi sorprende e mi fa arrabbiare che si sia giunti alla conclusione delle indagini, senza l’adozione di un provvedimento cautelare contro le indagate, dato che gli elementi di prova a loro carico sono schiaccianti. Il piccolo di 3 anni, i cui genitori io rappresento, è stato sottoposto a violenze fisiche e psicologiche terribili, addirittura in più di un’occasione tornò a casa dopo l’asilo con le orecchie sanguinanti. I danni alla salute psichica del bambino sono gravissimi e di questo chiamerò a rispondere anche il ministero dell’istruzione, quale responsabile civile per i risarcimenti. Ora si proceda in tempi rapidi al processo, che questi poveri bambini e le loro famiglie abbiano giustizia al più presto”, termina il legale.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here