Omicidio “Rampino”: continuano le indagini, stub e perquisizioni nella notte

0

Stava rientrando nella propria abitazione ieri sera quando è stato raggiunto da tre fucilate al petto calibro 12, Francesco Pio Gentile, 51 anni tra qualche mese, detto “Rampino” (ma anche “Passaguai”).

Per lui non c’è stato scampo. L’uomo infatti è morto sul colpo. Personaggio note alle cronache e agli investigatori per essere stato coinvolto in due operazioni contro la criminalità organizzata, “Età moderna” e “Ariete”, uomo di spicco del clan Romito legato a questi anche da stretti vincoli di parentela essendo la vittima cugino di Franco e Mario Luciano, quest’ultimo assassinato assieme al cognato nella strage di San Marco in Lamis del 9 agosto 2017, quando furono barbaramente uccisi anche gli innocenti fratelli Luciani.

Intanto proseguono serrate le indagini da parte del PM della DDA di Bari, Ettore Cardinali. Nella notte infatti, nel piccolo centro garganico sarebbero state ascoltate alcune persone legate alla vittima ed eseguiti anche diversi STUB nei confronti di pregiudicati del posto. La pista che si segue infatti è quella legata alla Mafia del Gargano ed in particolare alla sanguinosa faida tra i Li Bergolis e i Romito.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here