Rebeers. È targata Gargano e Capitanata la birra migliore d’Italia.

0

La birra dell’anno 2021 parla anche foggiano. Parola di ‘Cibus’, il Salone Internazionale dell’Alimentazione, ovvero l’evento di riferimento del panorama agroalimentare italiano d’eccellenza.

Ad essere premiate nel concorso indetto da Unionbirrai, la prima associazione culturale di microbirrifici in Italia, sono state due produzioni di Michele Solimando, “artigiano della birra”, co-founderinsieme a Giovanni Simeone del birrificio artigianale foggiano ‘Rebeers’ (già tra le Eccellenze della ‘Guida alle Birre d’Italia 2021’ di Slow Food Editore).

Ecco il commento dell’azienda su Facebook.

Di ritorno dal CIBUS International Food Exhibition con due ori nel concorso birrario più importante in Italia.

  • FOVEA – Cat. Specialty Grain;
  • HOPSFULL – Cat. Black IPA.

Grazie a Unionbirrai che, con Birra dell’Anno, corona per tanti di noi anni di lavoro, di cotte, e di sperimentazioni.

Stare in cima al podio è un traguardo ma anche un nuovo inizio, con la responsabilità di dover fare sempre meglio e la consapevolezza di potersi spingere in futuro oltre i limiti dell’oggi.

Il premio.

Nella categoria 17 (ovvero quella che premia le birre ambrate e scure, ad alta fermentazione, luppolate e di ispirazione angloamericana) ha conquistato l’oro la black IPA ‘Hopsfull’(già vincitrice di due concorsi internazionali). Fra quelle, invece, che usano cereali speciali (categoria 33) il podio è andato a ‘Fovea’, la prima ed unica birra al mondo 100% malto di grano duro.

Una grande soddisfazione per Solimando e Simeone, un vanto per la Capitanata, ma anche l’inizio di una vera e propria rivoluzione nel settore.

L’azienda: contentissimi!

“Le birre di grano sono sempre esistite – spiega Michele Solimando, originario di San Marco in Lamis, quest’anno insignito anche del Premio Jalarde dedicato a Grotta Paglicci e al Paleolitico del Gargano – ma nessuna fino ad oggi si era spinta fino a dove è arrivata la Fovea che ha sostituito interamente il malto d’orzo e il grano tenero con il malto di grano duro, in particolare con la varietà Senatore Cappelli. Questo significa che una produzione come la Fovea che fino a ieri poteva essere considerata solo una particolarità, oggi con questo premio entra a pieno diritto nel circuito delle birre di grano non soltanto nazionali”.

Si apre, dunque, e da Foggia una nuova strada che potrebbe portare l’intero settore italiano a produzioni ex novo che non strizzino più l’occhio ai paesi d’Oltralpe (Belgio e Germania in primis).Una nuova strada di cui proprio Solimando è stato un pioniere già nel 2019 quando ideò il progetto ‘Fovea Revolution’, ovvero una produzione birraia rivoluzionaria che parte dalla città di Foggia (Fovea, infatti, è l’antico nome del capoluogo dauno), il “granaio d’Italia”.

“La vera sfida ora più che mai – sostiene fermamente l’imprenditore – è non lasciare che questo sia un caso isolato perché possiamo e dobbiamo pensare di creare una intera gamma di birre interamente realizzate con il grano duro. E se questo sogno si avverasse, potremmo dire che le birre di grano duro sono state inventate a Foggia”.

Fonte: La Gazzetta di San Severo – Voce del Gargano e della Capitanata

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here