Ruba minicar: pregiudicato in manette per rapina, violazione della sorveglianza, lesioni, tentata estorsione e danneggiamento

arresto

Nella giornata di oggi a Foggia Agenti dell’U.P.G.S.P. e della Squadra Mobile della Questura di Foggia hanno eseguito, a carico di un sorvegliato speciale con obbligo di dimora nel capoluogo Dauno, l’ordinanza della misura della custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Foggia, su richiesta della locale Procura della Repubblica, in quanto gravemente indiziato dei delitti di rapina, violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale, lesioni, tentata estorsione e danneggiamento a danno di un minorenne.

L’indagine, coordinata e diretta dalla Procura della Repubblica di Foggia, ha preso avvio con l’intervento della Squadra Volante, del 10 giugno u.s., il cui personale raccoglieva, nell’immediatezza dei fatti, le dichiarazioni della persona offesa, che riferiva di aver subito una rapina da parte di un ragazzo che gli aveva sottratto la minicar dopo avergli sferrato un pugno al naso, provocandoli la rottura del setto nasale.

Subito dopo, il minorenne, che ritrovava il veicolo nelle strade limitrofe a quella della rapina, veniva avvicinato nuovamente dall’aggressore, il quale gli chiedeva un “regalino” per poter tornare in possesso del suo veicolo. Il giovane ragazzo, tuttavia, non cedeva alla richiesta estorsiva e si portava subito al Pronto Soccorso per farsi curare, chiedendo l’intervento della Polizia di Stato.

Da lì è partita un’attività investigativa che in pochi giorni ha consentito agli investigatori della Polizia di Stato di ricostruire il gravissimo episodio, determinando la Procura della Repubblica di Foggia a richiedere ed ottenere dal GIP l’emissione di un’ordinanza impositiva della misura della custodia cautelare in carcere per il presunto autore delle condotte criminose.