Un portale contro le fake-news sul Coronavirus sta riscuotendo molto successo, l’ideatore è un peschiciano

fake news

Un portale d’informazione ai tempi del Coronavirus

Si tratta di un progetto denominato “InfoCovid19”, ideato per contrastare le fake-new e la disinformazione sull’emergenza pandemica legata al Coronavirus. Quali i sintomi tipici di questo virus? Gli animali domestici sono a rischio? Tutti quesiti che meritano risposte corrette.

Si chiama Giovanni Mastromatteo, 34 anni, ingegnere informatico, attualmente vive a Teramo, dove collabora con la facoltà di Medicina veterinaria. A spiegare come è nata l’idea del portale è lo stesso Mastromatteo: «Anch’io come tanti ho vissuto il periodo di quarantena, per cui ho lavorato dalla mia casa di Teramo in smart-working e poiché lavoro molto con i social, mi sono reso conto come sia logorante leggere o vedere video che fanno cattiva informazione, notizie totalmente false e che purtroppo generano solo una grande confusione fra la gente, in un momento in cui abbiamo bisogno di chiarezza e rassicurazione. Così ho elaborato InfoCovid19; da un punto di vista tecnico, il portale si interfaccia con un database mySQL nel quale vengono memorizzate le faq presenti su portali certificati come ministero della Salute e gli istituti zooprofilattici».

L’ingegnere peschiciano, che si sta specializzando in biomedica in campo veterinario, racconta che l’utilizzo del portale è semplice ed immediato

«Basta inserire alcune parole chiave nella barra di ricerca posizionata in primo piano, ed è possibile filtrare domande e risposta in base agli argomenti scelti». Un progetto che Mastramatteo ha realizzato da solo: «Stando a casa hai del tempo libero, mi sarebbe piaciuto anche tornare nella mia Peschici, dove vive mia madre, ma per correttezza ho preferito fare la mia quarantena a Teramo. Dallo scorso 4 maggio il portale è disponibile anche in formato App, per dispositivi mobili Android. L’App, così come i servizi offerti dal portale InfoCovid19, è assolutamente gratuita e vanta la sola finalità della solidarietà, inoltre c’è massima sicurezza dati».

Un portale appena nato ma che già sta riscuotendo un buon numero di visitatori

Mastomatteo ha altri progetti a cui sta lavorando: «Nel web design e mi piace sviluppare applicazioni che possono essere di supporto alle fasce più deboli. Cosa penso di questa pandemia? Come ormai sappiamo si tratta di un virus di origine animale che ha fatto il salto di specie, non è il primo caso, pensiamo alla Sars o all’Aids, dobbiamo imparare a conviverci. Credo che sia importante oltre ad avere al più presto la disponibilità di un vaccino, è fondamentale trovare al più presto una cura farmacologica, tutti progetti a cui si sta già lavorando».

«Mi auguro – conclude l’informatico – che questa brutta avventura renda tutti più consapevoli e maturi, soprattutto più attenti alle piccole cose a cui spesso non diamo molta importanza, ma in questi mesi di libertà limitata, abbiamo riscoperto. Questo virus è figlio della globalizzazione, oggi si viaggia tanto, può colpire chiunque, è trasversale, per cui è necessario essere responsabili affinchè si possa continuare la nostra vita in sicurezza». Voce: La Gazzetta del Mezzogiorno